Nella brochure Alatri non c’è

@PaolaRolletta

Ho ricevuto alcune brochure sul turismo della regione Lazio. In particolare, “I cammini di fede nel Lazio” del Touring Club, “Passeggiate nel tempo – Parchi, castelli, monasteri, Storia e leggende dell’entroterra laziale”, “Andar per borghi”. Queste ultime due pubblicate dalla Agenzia Regionale del Turismo, il primo nel 2014 e il secondo a dicembre 2015. Queste brochure erano in distribuzione gratuita al Vinitaly, manifestazione internazionale sulla produzione vitivinicola italiana che si svolge a Verona e che è arrivata alla 50 edizione. Benissimo, ho pensato, grande pubblicità al nostro territorio. Sfoglio le brochure, grafica non particolarmente originale ma nel complesso graziosa, foto piccine, un po’ così… Ma, mi dico, non si può condensare un territorio così vasto e così bello in poche pagine! Accontentiamoci e vediamo che cosa scrivono di Alatri.

Sfoglio con attenzione “Passeggiate nel tempo” perché sto cercando Alatri. Ma Alatri non c’è. Come non c’è? Risfoglio, guardo l’indice, ma Alatri non c’è davvero. C’è Veroli con Casamari, c’è Trisulti, l’abbazia di Montecassino, ma Alatri non c’è.

Non c’è l’Ostia incarnata, non c’è il mantello di San Francesco, non c’è la Badia di San Sebastiano, non ci sono le mura, non c’è l’Acropoli, insomma Alatri non c’è.

Ancora incredula, prendo l’altra brochure “Andar per Borghi”. E per fortuna Alatri c’è.

Una paginetta, così come gli altri comuni, alcune informazioni, patrono e per altre info turistiche rimandano al Comune a Piazza Santa Maria Maggiore, 1 con il numero di telefono.  In fondo alla pagina c’è anche il sito del comune, così come tutti gli altri comuni rappresentati nella brochure.

Siccome io leggo sempre al contrario, arrivo alla pagina di presentazione della Ciociaria (provincia di Frosinone, secondo la brochure). Cosa vedere, Alatri mura poligonali o ciclopiche, nel gruppo con Arpino, Atina, Ferentino. Cosa gustare Alatri non cè, Cosa fare Alatri non c’è.

Apro la Carta&Guida del Touring quella che ha per titolo “I cammini di fede nel Lazio”, sempre con il contributo della Regione Lazio. Speranzosa, cerco tra i testi Alatri. Anche qui Alatri non c’è.

Non è una buona notizia. Forse non è neanche una notizia. Perché la città che dice di scommettere sul turismo, con il centro storico prossimo alla morte, con la campagna piena di costruzioni che non è possibile neanche coltivare un po’ di prezzemolo, è diventata una città senza reputazione e senza notorietà nelle pubblicazioni della Regione Lazio! Ma non per pudore. Per disattenzione, disaffezione, disamore e – inevitabile –  per incompetenza. Indovinate di chi?

Lontano dagli occhi, mi piange il cuore.

PS. L’immagine che illustra questo post è un altro itinerario senza Alatri. L’editore, stavolta, è la Camera di Commercio.

 

Un pensiero riguardo “Nella brochure Alatri non c’è

  1. L’immagine in testa all’articolo riguarda il cammino di san benedetto, riporta le tappe del cammino ideato da Simone frignani ed edito in una guida di TERRE DI MEZZO . La camera di commercio di frosinone ha creato un percorso in direzione contraria , da cassino a Rieti , mentre il cammino di cui sopra parte da Norcia e attraverso umbria e lazio e con le tappe consigliate , arriva a Montecassino.
    E.muzzi

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...