L’ACEA si sceglie i sindaci della consulta?

@discorsoincomune

Colpisce la gravità delle affermazioni rese attraverso l’ufficio stampa del comune sulle ragioni della mancata elezione del sindaco di Alatri nella Consulta dei sindaci dell’ATO 5. La nota del comune spiega, infatti, che l’insuccesso del primo cittadino di Alatri dipenderebbe dal fatto che egli “era scomodo e dava fastidio”.

Ora questo significa due cose, ugualmente gravi. La prima è che gli altri sindaci eletti sarebbero, al contrario di quello di Alatri, più “comodi” , e cioè – questa ci pare l’obbligata conclusione del ragionamento – più accomodanti nei confronti dell’ACEA ATO 5. La seconda, diretta conseguenza della prima, è che le elezioni della Consulta dell’ATO 5 vengono condizionate o decise dalla stessa Azienda, se è vero che i più scomodi vengono bocciati dai loro stessi colleghi.

Ieri l’onorevole Iannarilli, pur con opposto intento e diverso obiettivo polemico, ha dichiarato più o meno le stesse cose, ricordando che la sindaco del comune di Torrice ha trovato la strada sbarrata, nella medesima occasione, perché non prona agli interessi dell’Azienda che gestisce l’acqua. Sono parole gravi che vanno chiarite con urgenza. Certo è che esse gettano una luce oscura sui rapporti che vigono tra l’ACEA ATO 5 e i sindaci dei comuni dell’Ambito e sul ruolo che in questo rapporto è svolto da giocatori occulti.

I cittadini della provincia possono fidarsi dei loro sindaci sul problema difficile della gestione del servizio idrico? Le elezioni della Consulta dei Sindaci dell’ATO 5 sono state indirizzate favorendo la riuscita di rappresentanti “comodi” per l’Azienda ACEA ATO 5? C’è bisogno di risposte chiare, da parte di tutti i sindaci chiamati in causa e da parte dell’Azienda che certo non può accettare che simili sospetti gravino sui suoi comportamenti.

Le aspettiamo noi e le aspettano i cittadini. Resta il fatto, a nostro modo di vedere, che se i fatti sono andati davvero come li racconta il comune di Alatri il sindaco avrebbe dovuto denunciare subito l’accaduto all’opinione pubblica provinciale e informarne per primi i cittadini della nostra città.

Alatri, 23 dicembre 2015

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...